I disturbi ossessivi e compulsivi

La normalità fuori controllo

Il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) è caratterizzato dalla presenza di comportamenti ossessivi e compulsivi.

Le ossessioni sono pensieri, immagini mentali o impulsi che si manifestano ripetutamente nella mente di una persona. Questi fenomeni intrusivi incidono molto sulla qualità di vita della persona perché percepiti come sfuggenti al controllo e per le conseguenti emozioni negative che suscitano come paura, rabbia, senso di colpa, frustrazione, ecc. Per fronteggiare questo tipo di emozioni, si mettono in atto tutta una serie di comportamenti o azioni mentali ripetitivi, le compulsioni appunto. Spesso l’individuo è consapevole della esagerazione o anche della illogicità del pensiero ossessivo ma nonostante questo non riesce a gestirlo o a bloccarlo. Anzi, spesso i tentativi di controllo del pensiero peggiorano il sintomo.

Le compulsioni sono invece dei comportamenti ripetitivi (es. lavarsi le mani, controllare se lo sportello della macchina è stato chiuso, riordinare) o delle azioni mentali (es. contare, pregare, ripetere formule superstiziose), messi in atto per ridurre il senso di disagio e l’ansia provocati dai pensieri ossessivi.  La compulsione ha lo scopo di ridurre l’ansia ma produce sollievo per brevissimo tempo che ingenera la ripetizione nel tentativo di rivivere il sollevo provato. Anche questi comportamenti a prima vista “terapeutici” nel diminuire l’ansia rientrano nei tentativi di soluzione che peggiorano la sintomatologia.

Alcuni esempi di ossessioni possono essere pensieri come “ho le mani sporche”, “ho investito in auto qualcuno senza accorgermene”, “ho avvelenato il gatto”, “ho dimenticato di chiudere la manopola del gas”, ” se non conto fino a tre uscendo di casa qualcuno della mia famiglia starà male e sarà tutta colpa mia” o immagini blasfeme o a sfondo sessuale che vanno contro la morale dell’individuo e infine impulsi come l’impulso di fare male ad una persona cara o di fare qualcosa sconveniente in pubblico senza averne una reale volontà.

Gli esempi di compulsioni possono essere azioni come lavarsi ripetutamente le mani, riordinare e pulire casa continuamente, controllare se il gas è aperto o l’auto chiusa o verificare il non aver compiuto una determinata azione involontariamente, oppure azioni mentali come contare, pregare, ripetere filastrocche.

I pensieri intrusivi sono normali. Tutti gli esseri umani sperimentano pensieri senza senso e indesiderati, comprese le persone che ci stanno più vicine (sì… anche lo psicoterapeuta!).
I nostri cervelli sono altamente sviluppati e creativi e possono immaginare tutti i tipi di scenari, compresi quelli più spiacevoli: è normale che il cervello crei pensieri bizzarri o senza senso. Spesso, tali pensieri sono scatenati da situazioni reali, come la vista di un coltello, un bagno, guidare o un’immagine religiosa.

Questi tipi di pensiero sono gli stessi sia tra le persone che sviluppano DOC che no, l’unica variabile è che i soggetti con DOC li considerano significativi e pericolosi, alimentando il circuito ansioso che li fa sembrare vivere di vita propria.

Studio Matteo Feriotti

Non esiste uomo che non venga tiranneggiato a volte da idee astruse che lo inducano a sperare o temere oltre i limiti delle probabilità concrete.

Samuel Johnson

Il dubbio è il trampolino di lancio del pensiero creativo, ma al tempo stesso è la molla del pensiero ossessivo.

Giorgio Nardone

L’ossessione che ogni cosa fosse al suo posto, ogni faccenda a suo tempo, ogni parola nel suo stile, non era il premio meritato di una mente in ordine, ma tutto il contrario, un intero sistema di simulazione inventato da me per nascondere il disordine della mia natura.

Gabriel García Márquez

Cosa mi devo aspettare dal primo incontro?

Il primo incontro è importante non tanto per la sua valenza terapeutica ma per gettare le basi della relazione tra terapeuta …

Di bene in peggio. Istruzioni per un successo catastrofico di Paul Watzlawick

Uno dei libri più divulgativi e per 'non-esperti' del massimo esperto in comunicazione, Paul Watzlawick, che con stile e …

No… sfogarti non ti farà sentire meglio!

Sei proprio sicuro che sfogarti ti faccia stare meglio o è solo un’idea così culturalmente condivisa che non proviamo …